Il tuo bambino è appena nato e certamente il più bello del mondo: ha gli occhi del papà e il sorriso della mamma. Purtroppo però può soffrire di problemi digestivi, difficoltà di suzione, pianti improvvisi, sonno disturbato o ancora una deformità cranica, problemi per i quali bisognerebbe consultare un osteopata il più rapidamente possibile.

Il compito dell’osteopata è quello di favorire il meccanismo intrinseco del corpo di autoguarigione, in modo tale da alleviare il trauma che può essere avvenuto nella vita intrauterina o durante il parto. I parti particolarmente lunghi e difficili, che richiedono l’utilizzo di farmaci o strumenti quali forcipe e ventosa, possono segnare in modo importante i tessuti così delicati di un neonato. L’ osteopatia pediatrica è dunque il caso più reale di medicina preventiva.

I neonati possono beneficiare dell’osteopatia e i risultati ottenuti sono spesso notevoli – sostiene Christian Court, osteopata specializzato nel trattamento dei neonati – i trattamenti sono dolci e non invasivi essendo caratterizzati da leggere pressioni e privi di effetti collaterali”.

Recandosi dall’osteopata con il neonato è possibile prevenire e migliorare problemi quali i disturbi del sonno, il reflusso, le coliche, le difficoltà di suzione, il torcicollo congenito e la plagiocefalia (asimmetria del cranio e della faccia); nei bambini i piedi piatti o cavi, ginocchia valghe o vare, problemi della sfera ORL (otiti e mal di gola ricorrenti), mal di testa, problemi di mal-occlusione e bruxismo, scoliosi, cifosi o lordosi non fisiologiche, problemi respiratori con o senza manifestazioni asmatiche.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni, contattate il Gruppo IRV: 0165 279898 – info@gruppoirv.it

Aosta, 2 maggio 2018